Iniziare l'allattamento al seno con il Breast Crawl
Iniziare l'allattamento al seno con il Breast Crawl

Connect
Follow MotherChild on Twitter  Connect with MotherChild on Facebook  Subscribe to HealthPhone on YouTube

 
la nostra Home page
Guarda il video
Dieci Passi per un Allattamento al Seno Efficace
Prefazione
Introduzione
Copione del Video
Domande Frequenti
Revisione scientifica
La nostra visione
Bibliografia
Commenti e diffusione sui mezzi di comunicazione
Link
Ringraziamenti: revisori, comitato tecnico-scientifico
Contattaci

Download
Download Initiation of Breastfeeding by Breast Crawl - Dossier 548kbEnglish
Italiano
 

Vikaspedia: Reaching the ‘un-reached’ communities of India


Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
 


Prefazione

Fino dalle prime emozionanti osservazioni sulla capacità del neonato di avanzare strisciando verso il seno materno poco dopo la nascita, di attaccarsi e di iniziare a succhiare, madri e padri sono stati incantati da questa sbalorditiva impresa.


Fino dalle prime emozionanti osservazioni sulla capacità del neonato di avanzare strisciando verso il seno materno poco dopo la nascita, di attaccarsi e di iniziare a succhiare, madri e padri sono stati incantati da questa sbalorditiva impresa.

Pensare che per molti decenni sia gli operatori sanitari che i genitori ritenevano che, per poppare al seno, un piccolo non sapesse cosa fare per alimentarsi e veniva perciò di solito spinto verso il seno. Il neonato osservava soltanto e leccava e spesso si fermava per l'intromissione. In realtà alla nascita il neonato può sapere più cose della madre.

Oggi noi sappiamo che anche numerosi altri interventi interferiscono con la naturale capacità del piccolo di esplorare, ricercare e trovare il seno. Gli anestetici somministrati durante il travaglio oppure utilizzati in corso di analgesia epidurale possono arrivare attraverso la placenta al neonato e provocargli difficoltà nell'attacco; anche il disagio provocato dall'episiotomia può interferire. L'iperidratazione correlata all'uso di liquidi per fleboclisi può determinare edema periareolare, e la aspirazione gastrica con sondino provoca stress al neonato. È interessante notare che l'aspirazione non è più consigliabile per il 90% dei piccoli che hanno normale attività respiratoria, colorito buono, e non presentano tracce di meconio alla nascita, dal momento che interferisce con una confortevole suzione del neonato e che spesso, a causa della stimolazione sul retrofaringe determina una importante riduzione della frequenza cardiaca. Non è necessario neanche aspirare con pompetta naso e bocca, che è sufficiente asciugare delicatamente con un panno.

Cosa è particolarmente importante adesso è informare i genitori e gli operatori di sala parto affinché creino l'ambiente calmo, tranquillo, riservato che consente la realizzazione del "breast crawl".

C'è anche qualcosa di speciale riguardo alla prima ora di vita. I genitori hanno aspettato molti mesi per vedere il loro bambino e sorprendentemente alla nascita il neonato si trova in uno speciale stato di veglia - chiamato Stato Quattro - lo stato tranquillo della coscienza, pronto ad incontrare i genitori, e ed è particolarmente interessato al volto della madre e del padre.

In questo stato speciale, gli occhi del piccolo sono ben aperti, ed il bambino è tranquillo. Il neonato ha ascoltato e ricorda la voce della madre dalla vita intrauterina e sarà in grado di distinguere la sua voce da quella di altre donne; inoltre l' 80% dei neonati ricorda la voce paterna. Il piccolo viene riscaldato dal petto della madre e calmato dal suo tocco. Questo periodo di calma trascorso insieme serve nel passaggio dalla vita intrauterina al mondo esterno.

Questo stato speciale nel neonato dura dai 30 a 45 minuti o più. Sono in atto tutti i tipi di scambio tra la madre ed il neonato. Il piccolo sta prendendo contatto con la madre attraverso molti sensi così come la madre sta imparando a conoscere il proprio figlio. Il neonato si sta abituando all'odore della madre ed in pochi giorni individuerà le coppette assorbilatte della madre fra quelle di altre donne. Ciò è collegato al particolare odore della madre e non del latte.

Quando il piccolo fissa lo sguardo sul volto della madre, registra nella sua memoria quel volto così che se gli verrà mostrata una immagine del volto della madre e di altre donne quattro ore dopo, sceglierà sempre il volto della madre.

Anche la madre sta facendo conoscenza del suo bambino con il tatto, l'odore, ed anche la vista. Curiosamente, se poche ore dopo viene sottoposta ad un test per individuare il suo piccolo fra altri due, la madre riconoscerà il figlio attraverso il tatto e l'odore entro un giorno.

In questo periodo precoce della prima poppata madre e neonato si scambiano a vicenda molti altri vantaggi. La secrezione di ossitocina proviene sia dalla madre che dal piccolo. L'ossitocina possiede molti effetti; attiva la produzione di prolattina per la discesa del latte; è di aiuto nella produzione di speciali ormoni gastrointestinali alcuni dei quali sono ormoni di crescita che favoriscono l'assorbimento del cibo attraverso l'allungamento dei villi intestinali. L'ossitocina aumenta la soglia del dolore, crea una situazione di calma sia nella madre che nel bambino, determina un senso di sonnolenza e li mantiene più vicini dal momento che è l'ormone dell'affetto, l'ormone dell'amore.
 

Quando il neonato si tira sui suoi piccoli gomiti, si succhia le mani per sentire il gusto del liquido amniotico, una proprietà del quale è simile ad un'altra secreta dal seno, sta utilizzando odorato e tatto come ulteriori strumenti di guida verso il capezzolo.

Quando il neonato si tira sui suoi piccoli gomiti, si succhia le mani per sentire il gusto del liquido amniotico, una proprietà del quale è simile ad un'altra secreta dal seno, sta utilizzando odorato e tatto come ulteriori strumenti di guida verso il capezzolo. Fra gli altri vantaggi, questa precoce esperienza di allattamento al seno comprende l'apporto a una percezione di maggior sicurezza da parte del lattante, concorre a ridurre la mortalità infantile attraverso le molteplici proprietà immunitarie del latte umano, e contribuisce a un più prolungato allattamento al seno.

Comportamenti minori che sono stati già provati in utero vengono qui utilizzati. Il piccolo ha una capacità di reaching [cercare di afferrare] alla nascita, sebbene tale comportamento non si verifica evolutivamente fino ai 4 mesi, e curiosamente con questo comportamento di reaching tocca il seno della madre, le massaggia il capezzolo e lo allunga ai fini di un buon attacco. Ogni tocco del capezzolo crea un picco di ossitocina sia nel cervello della madre che in quello del neonato. I movimenti di stepping [riflesso di deambulazione] che il neonato utilizzava nella sua vita fetale, aiutano il bambino ad arrampicarsi al seno, e lo stepping sull'addome, quindi sopra l'utero, serve a fare contrarre l'utero riducendo le perdite ematiche e favorendo la fuoriuscita della placenta.

In questo primo periodo della vita si verificano e possono essere osservati molti eventi sfumati, ma molti di più potrebbero essere perduti a meno che non se ne abbia cognizione. In questo periodo di speciale tranquillità, la madre e il piccolo fanno conoscenza l'uno con l'altra, il primo difficilmente piange, e si stabilisce il fondamento di un attaccamento sicuro da parte del piccolo e di una maggiore fiducia della madre in se stessa, nelle sue capacità di alimentare ed allevare il bambino nel legame che via via li unisce.

Dr. Prashant Gangal e i colleghi del BPNI Maharashtra con il sostegno UNICEF e del Governo del Maharashtra hanno creato uno splendido video, che è di estrema importanza per la salute dei bambini dell'India.
 
 

Phyllis Klaus
MFT, LCSW

 
Marshall Klaus
MD

Marshall Klaus, MD è Professore Emerito di Pediatria, University of California, San Francisco. Egli è un neonatologo ed un ricercatore noto a livello internazionale, ed ha incentrato le sue ricerche sul modo in cui le madri sviluppano il legame con i propri figli normali, ammalati, malformati o prematuri. Inoltre, la sua ricerca ha spaziato sui notevoli effetti della continuità del sostegno emozionale e sociale alla madre da parte di una donna esperta di sostegno al travaglio (la doula) ai fini della riduzione delle complicanze di travaglio e parto, cambiando la psicologia della madre e migliorando il comportamento della madre verso il piccolo. Le sue prime ricerche hanno dimostrato anche l'importanza del contatto precoce madre neonato alla nascita, che favorisce l'allattamento al seno o ne comporta la maggiore durata e continuità. Queste ricerche sono servite a creare tre dei principali criteri della Baby Friendly Hospital Initiative (BFHI) dell'UNICEF. È autore o co-autore di numerosi articoli e libri, compresi Care of the High-Risk Neonate, The Doula Book, Bonding, Your Amazing Newborn, e co-editore per 10 anni di The Neonatal/ Perinatal Yearbook.

Phyllis Klaus, MFT, CSW, è diplomata in psicoterapia, assistente sociale clinica, e Trainer della EMDR. Insegna e svolge la sua attività presso il Milton H. Erickson Institute in Santa Rosa, California, e lavora anche a Berkeley, California, fornendo psicoterapia, ipnoterapia, counseling, e EMDR a figli, coppie, famiglie, bambini e gruppi. Si è occupata delle preoccupazioni delle famiglie nel periodo perinatale negli ultimi 30 anni, e si è interessata di ricerca e formazione di donne e di operatori di maternità fin dal 1980. È consulente e presenta workshop sia negli Stati Uniti che altrove ed è co-autore di molti articoli e dei seguenti libri: The Doula Book; Bonding; Your Amazing Newborn; a video, The Amazing Talents of the Newborn; and When Survivors Give Birth: Understanding and Healing the Effects of Child Sexual Abuse on Childbearing Women.





  16 June, 2014
 
la nostra Home page Guarda il video Dieci Passi per un Allattamento al Seno Efficace Copione del Video Domande Frequenti revisione scientifica La nostra visione Bibliografia Commenti  e diffusione sui mezzi di comunicazione link The Mother and Child Health and Education Trust
Feedback Form
Feedback Analytics